ita
Notizie

Notizie

Private banking [Case History]

/ Private banking [Case History]

 
Per affrontare una partita così complessa e delicata, abbiamo messo in campo competenze avanzate in ambito tecnico, funzionale e di gestione dei gruppi di lavoro, che venivano coordinati da capi progetto a loro volta collegati a un referente globale.
 
 
L’esigenza dell’organizzazione bancaria che ci ha contattati era quella di consolidare il posizionamento della clientela orientata ai servizi di wealth management: lato banca, sono pertanto partiti dalla suddivisione della rete attuale per concentrarsi sul private banking e offrire una maggiore copertura a questo tipo di clientela.

L’evoluzione ha impattato con tre procedure principali: la gestione dei portafogli, la gestione delle utenze e la gestione dei flussi di richiesta di autorizzazione. Per affrontare una partita così complessa e delicata, abbiamo messo in campo competenze avanzate in ambito tecnico, funzionale e di gestione dei gruppi di lavoro, che venivano coordinati da capi progetto a loro volta collegati a un referente globale.

Ogni team ha lavorato secondo i criteri del metodo Agile sulla base di un cronoprogramma incalzante, allo scopo di governare correttamente la concatenazione e l’interazione delle procedure.

In questo progetto abbiamo espresso tutto il bagaglio di conoscenze tecniche e funzionali accumulate in questi anni, attraverso l’operatività di team composti da professioniste e professionisti esperti sia nella parte di analisi che in quella di sviluppo, allo scopo di ottimizzare la gestione del timing.

E avendo tutto il progetto in casa, abbiamo gestito i cambi di specifiche man mano che le configurazioni vengono effettuate.

Risultato?

È stata una commessa impegnativa ma con esito molto positivo, abbiamo rispettato le tempistiche e, a poco più di un mese dal rilascio, il margine di errore risulta molto basso e nemmeno dovuto a problematiche di sviluppo, bensì a condizioni mutate nel tempo.

A livello di metodo, ci ha aiutato il fatto di mettere a piano un SAL (Stato Avanzamento Lavori) settimanale con i referenti dell'istituto di credito, nel corso del quale abbiamo potuto condividere lo stato di avanzamento dei lavori e le criticità rilevate in corso d’opera.

Ma soprattutto, il gruppo ha lavorato in maniera impeccabile, senza sconti, per assicurare il rispetto dei tempi di rilascio.  

Simone Bottazzi, capo progetto, è autore di questo articolo