ita
Notizie

Notizie

Letture estive-istintive

/ Letture estive-istintive

 
In ordine sparso e secondo criteri di scelta puramente “istintivi”, ecco i libri che ci porteremo sotto l’ombrellone, per coltivare il pensiero critico. No, neanche uno è hi-tech!
 
 

In ordine sparso e secondo criteri di scelta puramente “istintivi”, ecco i libri che ci porteremo sotto l’ombrellone, per coltivare il pensiero critico. No, neanche uno è hi-tech!

Sulla parità di genere

I conti con le donne. Come gli economisti hanno dimenticato l’altra metà del mondo
Di Katrine Marçal, ed. Ponte della Grazie

Il lavoro femminile non viene calcolato nel Pil; eppure è difficile immaginare cosa sarebbe dello sviluppo, della crescita, del benessere e del Pil senza di esso.
In questo libro provocatorio e irriverente, aggressivo e ironico, Katrine Marçal attacca la base del mito della «mano invisibile» dell’economia, mettendo finalmente nella giusta luce l’importanza del «sesso invisibile».

Sui social network

Condivide et impera. Convinci con il cervello, persuadi con il cuore e influenza per come sei
di Rudy Bandiera, ed Mondadori Electa, 2017
Viviamo in un mondo diverso da quello che conosciamo, in cui genitori e figli vivono realtà distanti e parallele, che non ha ancora regole comuni, "non codificato", destabilizzante: digitale in cui si compra, si vende, si parla, ci si innamora e si fa business.

Sulla verità e sulla falsità

La stanza delle meraviglie filosofiche: Enigmi, problemi e paradossi che sfidano la logica e aguzzano l’intelligenza
di Sorensen Roy, ed. Salani
In questo libro il professor Roy Sorensen, specialista di tutte le sfide del pensiero, prodiga la sua enorme competenza, il suo gran senso dello humour e l'arguzia della sua scrittura per farci sapere tutto sul vuoto di Platone, le indagini di Wittgenstein, il test di intelligenza di Schopenhauer, la grande scommessa di Voltaire, il lapsus calami di Russell; ci mostra perché l’uovo viene prima della gallina, che cosa ha fatto scomparire Cartesio e cos'hanno in comune un logico e un’aragosta.

Sulla resilienza

Tecniche di resistenza interiore. Come sopravvivere alla crisi della nostra società
Di Pietro Trabucchi, ed. Mondadori

Prima ancora che economica, la crisi da cui tutti ci sentiamo attraversati si sta rivelando, essenzialmente, interiore. Essere sempre connessi con un altrove, "condividere" ogni esperienza per la paura di non percepirla come davvero reale, ci sta trasformando in persone disattente, distratte, dissociate. Se non utilizzate in maniera consapevole, le tecnologie digitali - computer, social network, smartphone - riducono la capacità di rimanere concentrati anche per pochi istanti su di un obiettivo, minano le nostre fondamenta corporee e percettive.