ita
Notizie

Notizie

Fashion Next: la rivoluzione 4.0 a portata di PMI

/ Fashion Next: la rivoluzione 4.0 a portata di PMI

 
La rivoluzione innescata dallo IoT (Internet of Things) sarà più o meno vantaggiosa per le PMI? Secondo noi sarà una stagione ricca di opportunità per chi le saprà cogliere, a partire dal settore manifatturiero che potrà beneficiare dei vantaggi dell’infrastrutturazione digitale, aprendosi a orizzonti globali.
 
 
Secondo Business Insider, entro il 2020 saranno in uso nel mondo più di 24 miliardi di dispositivi IoT, acronimo dell’espressione “Internet of Things” (in italiano “internet delle cose”) con la quale si definisce l’insieme dei device connessi a internet, diversi da computer e smartphone. Sono IoT, ad esempio, i modelli più avanzati di automobili, gli elettrodomestici e gli apparecchi per il monitoraggio della salute. Nel dettaglio, le stime prevedono che ogni individuo potrà disporre mediamente di quattro oggetti IoT.

E in tema IoT, il nostro business focus è concentrato, in questo inizio di 2018, sui wearables - dispositivi indossabili come gli smartwatch, i visori di realtà aumentata o i fitness band - destinati ad ampliare il loro campo di applicazione con una serie di funzionalità che porteranno moltitudini di persone a vestire, letteralmente, la tecnologia.

Le opportunità che si aprono per il settore manifatturiero sono di portata epocale, al punto che si parla di rivoluzione 4.0. “Siamo pronti a mettere a disposizione delle piccole aziende, che non hanno potuto godere dei vantaggi della delocalizzazione, tutti i benefici dell’automazione IoT – spiega Roberto Pasqualini, vice presidente Side Soft –. I modelli di sviluppo che abbiamo elaborato già mettono le piccole e medie imprese nelle condizioni di interagire con il mercato globale, pur mantenendo la flessibilità e l’autonomia tipica delle pmi italiane, che si caratterizzano per un prezioso radicamento locale, e per uno stile e una creatività senza eguali nel mondo”.

Applicato al settore moda, il modello elaborato da Side Soft prende il nome di Fashion Next e si prefigge tre principali obiettivi:
•    portare gli strumenti tipici della rivoluzione 4.0 anche nelle piccole e piccolissime realtà artigianali, allo scopo di dotare le aziende di un vero e proprio sistema nervoso digitale
•    costruire infrastrutture di collaboration che permettano interscambi in tempo reale tra azienda, fornitori e clienti, dai programmi di CAD per il disegno di figurini e modelli passando per l’innovazione dei classici ERP
•    implementare l’utilizzo dell’e-commerce, che offre la possibilità a qualsiasi azienda, di ogni natura e dimensione, di vendere world-wide.